gli Interni

Il progetto del Buonvento è poco dettagliato riguardo la disposizione degli interni. Con un po’ di studio è possibile cucire (…ed incollare!) su misura il Buonvento in base alle proprie esigenze. Le esperienze altrui possono rappresentare un valido punto di partenza.

Se hai dei suggerimenti o delle informazioni su questo argomento usa il MODULO CONTATTI.

Gli interni del prototipo del Buonvento, il primo esemplare realizzato da Alfredo Soda, rappresentano un esempio di grande studio sulla razionalizzazione degli spazi. Un cuccettone (così è definito dal costruttore stesso) da 2.00 m x 1.60 m, un cassone di 1.50 m x 0.50 m posto sotto il pozzetto che contiene un fornello a due fuochi, nonhché una serie di stipetti e porta oggetti assicurati ai lati dello scafo.

A bordo di Pikkio, il Buonvento di Silvano Lorenzon, sono previsti tre posti letto (due a prua ed uno a poppa a sinistra del quadrato). Uno spazio cucina a dritta del quadrato con lavello e fornello con bombola integrato. Un tavolino ribaltabile al centro del quadrato. Gli spazi presenti a sinistra e dritta tra la paratia centrale dell’albero e la paratia prodiera di tuga sono munite di reti elastiche. Lo spazio sotto il pozzetto  è completamente accessibile per stipare il materiale, i ricambi e l’attrezzatura anche di notevole lunghezza.

La disposizione degli interni di Chiocciola, il Buonvento di Davide Favaretto, è ottimizzata per lunghe navigazioni essenzialmente in solitario. Come nel progetto originale, ci sono i due lettini di prua, il cui piano è stato rialzato al fine di avere un maggiore spazio per i piedi. La parte di prua, tra il tagliamare ed il listello del bittone, è stata chiusa e separata per calare la catena dell’ancora. Gli spazi presenti a sinistra e dritta tra la paratia centrale dell’albero e la paratia prodiera di tuga sono munite di reti elastiche. A dritta del quadrato la cucina con il lavello. A sinistra una seduta che prosegue sotto il pozzetto. Questo spazio può essere utilizzato come ulteriore posto letto. Lo spazio sotto il pozzetto lungo il lato di dritta è parzialmente occupato da un gavone sigillato con accesso dal pozzetto.