Io l’albero in legno del Buonvento l’ho fatto così

buonvento-boat-costruzione-albero-pikkio

Silvano Lorenzon, amico armatore di Pikkio nonché esperto costruttore di barche (ha partecipato alla realizzazione di uno dei “Mascalzone Latino”), ha scritto per noi questo articolo sulla costruzione seguita per l’albero in abete del suo Buonvento. Buona lettura a tutti.

L’albero di Pikkio, a sezione rettangolare, ha queste dimensioni: 7,5 cm x 12,0 cm x 750 cm di altezza.

Si utilizzano 8 tavole di abete di primissima scelta, ovvero privo di nodi, ben piallate e delle dimensioni di 8 cm x 2 cm x 400 centimetri.

A questo punto si fa l’incollaggio, a due a due sovrapponendole, con la resina epossidica caricata a microfibre. Si bagnano con la resina piena le due superfici che saranno in contatto tra loro e poi si stende la resina caricata con microfibre utilizzando una spatola in metallo dentata da 3 mm. Serrare il tutto con parecchi morsetti aiutandosi con dei grossi pezzi di legno.

costruzione_albero_pikkio_1Si prepara la giunzione a palella facendo la palella per un minimo di 10 volte lo spessore, per cui se lo spessore ottenuto è di 4 cm la palella dovrà essere lunga almeno 40 cm.

costruzione_albero_pikkio_2Si posizionano le due parti nel senso della lunghezza su un piano perfettamente dritto e rialzato in modo da giuntare in maniera dritta. Si stende un foglio di nylon sotto la palella, si procede all’incollaggio come prima con la resina epossidica, si mette un altro foglio di nylon sopra e si stringe il tutto con dei morsetti. Si esegue la stessa operazione anche con le altre parti.

costruzione_albero_pikkio_3Adesso abbiamo le due parti già unite a palella che sono lunghe circa 8 metri e prima di unirle prevediamo di inserici dentro nella mezzeria una canaletta per fare scorrere i fili della luce in testa d’albero e quella di andatura a motore posta a livello della crocetta.

Eseguiamo l’incollaggio delle due parti sempre con la resina epossidica come le altre volte, ricordandosi di tenerlo sempre dritto e sollevato e stringere il tutto con un abbondante numero di morsetti e tavole grosse di legno in maniera che tutto sia serrato uniformemente.

costruzione_albero_pikkio_4

A questo punto abbiamo un albero in lamellare grezzo di sezione rettangolare da 8 cm x 12 cm x 800 cm.

Con la pialla elettrica o a mano pialliamo tutti i lati in modo da portare la sezione a 7,5 cm x 12 cm x 750 cm di lunghezza.

Adesso iniziamo a stondare l’albero in base alle misure del progetto. Si mantiene la sezione rettangolare fino alla trozza (attacco o testa) del boma, dopo si mantiene il lato verso poppa dritto perché ci va la canaletta della randa e dall’altezza della crocetta fino alla testa dell’albero si rastrema fino a portare la seziione in testa a circa 7 cm x 8 cm.

costruzione_albero_pikkio_5

Si stonda l’albero procedendo in questo modo, su un foglio millimetrato si disegna la sezione con due cerchi e si raccordano, da un rettangolo si disegna un ottagono e si misurano le tangenti, si riportano le misure sull’albero e si passa a piallare fino a consumare gli angoli.

Bisogna mantenere una superficie dritta dove verrà posizionata la canaletta della randa.

Dall’ottagono, sempre con il pialletto elettrico o a mano, si smussano gli angoli rimasti, infine con la carta vetrata prima un po’ grossa e poi sempre più fina si cercherà di livellare il tutto.

costruzione_albero_pikkio_6

L’albero a questo punto è fatto. Si passano almeno cinque mani di impregante neutro e poi si può passare all’impregnante ceroso oppure al flatting.

Le crocette le ho fatte in mogano ma va bene anche il frassino, l’importante è che sia un legno senza nodi, per le dimensioni io le ho fatte 7 cm x 4 cm rastremate con alla parte esterna una gola per accogliere la sartia alta e ovviamente la gola protetta da un lamierino con cui si chiude la sartia.

costruzione_albero_pikkio_7

Per il boma la cosa è più semplice.

in base allo spessore ed alla lunghezza (per la misura fare riferimento alla randa) si incollano 3 o 4 tavolette con la resina epossidica come si è fatto per l’albero e poi si rastrema e si stonda.

costruzione_albero_pikkio_8

Per le ferramenta, se uno se le vuole fare può copiarle da quelle delle altre barche altrimenti le trova in commercio già fatte.

Buonvento!

Silvano Lorenzon

About Elio De Petris

Elio De Petris | Programmatore

View all posts by Elio De Petris →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *